Product SiteDocumentation Site

12.4. Monitoraggio

Monitoraggio è un termine generico, e le diverse attività implicate hanno diversi scopi: da una parte, seguire l'uso delle risorse fornite da una macchina permette di prevedere la saturazione e i conseguenti aggiornamenti richiesti; dall'altra, avvisare l'amministratore appena un servizio è indisponibile o non funziona correttamente significa che il problema può essere risolto più celermente.
Munin copre la prima area, visualizzando diagrammi grafici per i valori storici di un certo numero di parametri (RAM usata, spazio disco occupato, carico del processore, traffico di rete, carico di Apache/MySQL e così via). Nagios copre la seconda area, controllando regolarmente che i servizi siano funzionanti e disponibili e inviando avvisi tramite i canali appropriati (email, messaggi di testo e così via). Entrambi hanno una struttura modulare, il che rende facile creare nuovi plugin per monitorare specifici parametri o servizi.

12.4.1. Impostazione di Munin

Lo scopo di Munin è di monitorare molte macchine; è quindi assai naturale che usi un'architettura client/server. L'host centrale, il graficatore, raccoglie dati da tutti gli host monitorari e genera grafici storici.

12.4.1.1. Configurare gli host da monitorare

Il primo passo è installare il pacchetto munin-node. Il demone installato da questo pacchetto ascolta sulla porta 4949 e rimanda i dati raccolti da tutti i plugin attivi. Ciascun plugin è un semplice programma che restituisce una descrizione dei dati raccolti insieme all'ultimo valore misurato. I plugin sono memorizzati in /usr/share/munin/plugins/, ma solo quelli con un collegamento simbolico in /etc/munin/plugins/ vengono effettivamente usati.
When the package is installed, a set of active plugins is determined based on the available software and the current configuration of the host. However, this autoconfiguration depends on a feature that each plugin must provide, and it is usually a good idea to review and tweak the results by hand. Browsing the Plugin Gallery[5] can be interesting even though not all plugins have comprehensive documentation. However, all plugins are scripts and most are rather simple and well-commented. Browsing /etc/munin/plugins/ is therefore a good way of getting an idea of what each plugin is about and determining which should be removed. Similarly, enabling an interesting plugin found in /usr/share/munin/plugins/ is a simple matter of setting up a symbolic link with ln -sf /usr/share/munin/plugins/plugin /etc/munin/plugins/. Note that when a plugin name ends with an underscore “_”, the plugin requires a parameter. This parameter must be stored in the name of the symbolic link; for instance, the “if_” plugin must be enabled with a if_eth0 symbolic link, and it will monitor network traffic on the eth0 interface.
Once all plugins are correctly set up, the daemon configuration must be updated to describe access control for the collected data. This involves allow directives in the /etc/munin/munin-node.conf file. The default configuration is allow ^127\.0\.0\.1$, and only allows access to the local host. An administrator will usually add a similar line containing the IP address of the grapher host, then restart the daemon with systemctl restart munin-node.

12.4.1.2. Configurare il graficatore

Il «graficatore» è semplicemente il computer che aggrega i dati e genera i grafici corrispondenti. Il software richiesto si trova nel pacchetto munin. La configurazione standard esegue munin-cron (una volta ogni 5 minuti), che raccoglie i dati da tutti gli host elencati in /etc/munin/munin.conf (solo l'host locale è elencato in modo predefinito), salva i dati storici in file RRD (Round Robin Database, un formato di file progettato per memorizzare dati variabili nel tempo) memorizzati sotto /var/lib/munin/ e genera una pagina HTML con i grafici in /var/cache/munin/www/.
Tutte le macchine monitorate devono quindi essere elencate nel file di configurazione /etc/munin/munin.conf. Ciascuna macchina è elencata come una sezione completa con un nome che corrisponde alla macchina e almeno una voce address che dà il corrispondente indirizzo IP.
[ftp.falcot.com]
    address 192.168.0.12
    use_node_name yes
Le sezioni possono essere più complesse e descrivere ulteriori grafici che possono essere creati combinando dati provenienti da diverse macchine. Gli esempi forniti nel file di configurazione sono dei buoni punti di partenza per la personalizzazione.
L'ultimo passo è pubblicare le pagine generate; questo richiede di configurare un server web in modo che i contenuti di /var/cache/munin/www/ siano resi disponibili su un sito web. L'accesso a questo sito web sarà spesso ristretto, usando un meccanismo di autenticazione o un controllo di accesso basato sull'IP. Vedere Sezione 11.2, «Server web (HTTP)» per i dettagli relativi.

12.4.2. Impostazione di Nagios

Contrariamente a Munin, Nagios non richiede necessariamente di installare alcunché sugli host monitorati; la maggior parte delle volte, Nagios viene usato per controllare la disponibilità dei servizi di rete. Per esempio, Nagios può connettersi a un sito web e controllare che una data pagina web possa essere ottenuta entro un certo tempo.

12.4.2.1. Installazione

The first step in setting up Nagios is to install the nagios4 and monitoring-plugins packages. Installing the packages configures the web interface and the Apache server. The authz_groupfile and auth_digest Apache modules must be enabled, for that execute:
# a2enmod authz_groupfile
Considering dependency authz_core for authz_groupfile:
Module authz_core already enabled
Enabling module authz_groupfile.
To activate the new configuration, you need to run:
  systemctl restart apache2
# a2enmod auth_digest
Considering dependency authn_core for auth_digest:
Module authn_core already enabled
Enabling module auth_digest.
To activate the new configuration, you need to run:
  systemctl restart apache2
# systemctl restart apache2
Adding other users is a simple matter of inserting them in the /etc/nagios4/hdigest.users file.
Pointing a browser at http://server/nagios4/ displays the web interface; in particular, note that Nagios already monitors some parameters of the machine where it runs. However, some interactive features such as adding comments to a host do not work. These features are disabled in the default configuration for Nagios, which is very restrictive for security reasons.
Enabling some features involves editing /etc/nagios4/nagios.cfg. We also need to set up write permissions for the directory used by Nagios, with commands such as the following:
# systemctl stop nagios4
# dpkg-statoverride --update --add nagios www-data 2710 /var/lib/nagios4/rw
# dpkg-statoverride --update --add nagios nagios 751 /var/lib/nagios4
# systemctl start nagios4

12.4.2.2. Configurazione

The Nagios web interface is rather nice, but it does not allow configuration, nor can it be used to add monitored hosts and services. The whole configuration is managed via files referenced in the central configuration file, /etc/nagios4/nagios.cfg.
Questi file non dovrebbero essere studiati senza una qualche comprensione dei concetti alla base di Nagios. La configurazione elenca oggetti dei seguenti tipi:
  • un host è una macchina da monitorare;
  • un hostgroup è un insieme di host che dovrebbero essere raggruppati insieme per la visualizzazione o per sfruttare elementi comuni di configurazione;
  • un service è un elemento controllabile relativo a un host o a un gruppo di host. Molto spesso sarà un controllo di un servizio di rete, ma può anche richiedere di controllare che certi parametri siano all'interno di un intervallo accettabile (per esempio, lo spazio libero sul disco o il carico del processore);
  • un servicegroup è un insieme di servizi che dovrebbero essere raggruppati insieme per la visualizzazione;
  • un contact è una persona che può ricevere avvisi;
  • un contactgroup è un insieme di tali contatti;
  • un timeperiod è un intervallo di tempo durante il quale alcuni servizi devono essere controllati;
  • un command è la riga di comando invocata per controllare un dato servizio.
Secondo il suo tipo, ciascun oggetto ha un certo numero di proprietà che possono essere personalizzate. Una lista completa sarebbe troppo lunga da includere, ma le proprietà più importanti sono le relazioni fra gli oggetti.
Un service usa un command per controllare lo stato di una funzionalità su un host (o un hostgroup) entro un timeperiod. In caso di problema, Nagios manda un avviso a tutti i membri del contactgroup collegato al servizio. Ciascun membro riceve l'avviso a seconda del canale descritto nell'oggetto contact corrispondente.
An inheritance system allows easy sharing of a set of properties across many objects without duplicating information. Moreover, the initial configuration includes a number of standard objects; in many cases, defining new hosts, services and contacts is a simple matter of deriving from the provided generic objects. The files in /etc/nagios4/conf.d/ are a good source of information on how they work.
Gli amministratori della Falcot Corp usano la seguente configurazione:

Esempio 12.3. /etc/nagios4/conf.d/falcot.cfg file

define contact{
    name                            generic-contact
    service_notification_period     24x7
    host_notification_period        24x7
    service_notification_options    w,u,c,r
    host_notification_options       d,u,r
    service_notification_commands   notify-service-by-email
    host_notification_commands      notify-host-by-email
    register                        0 ; Template only
}
define contact{
    use             generic-contact
    contact_name    rhertzog
    alias           Raphael Hertzog
    email           hertzog@debian.org
}
define contact{
    use             generic-contact
    contact_name    rmas
    alias           Roland Mas
    email           lolando@debian.org
}

define contactgroup{
    contactgroup_name     falcot-admins
    alias                 Falcot Administrators
    members               rhertzog,rmas
}

define host{
    use                   generic-host ; Name of host template to use
    host_name             www-host
    alias                 www.falcot.com
    address               192.168.0.5
    contact_groups        falcot-admins
    hostgroups            debian-servers,ssh-servers
}
define host{
    use                   generic-host ; Name of host template to use
    host_name             ftp-host
    alias                 ftp.falcot.com
    address               192.168.0.6
    contact_groups        falcot-admins
    hostgroups            debian-servers,ssh-servers
}

# 'check_ftp' command with custom parameters
define command{
    command_name          check_ftp2
    command_line          /usr/lib/nagios/plugins/check_ftp -H $HOSTADDRESS$ -w 20 -c 30 -t 35
}

# Generic Falcot service
define service{
    name                  falcot-service
    use                   generic-service
    contact_groups        falcot-admins
    register              0
}

# Services to check on www-host
define service{
    use                   falcot-service
    host_name             www-host
    service_description   HTTP
    check_command         check_http
}
define service{
    use                   falcot-service
    host_name             www-host
    service_description   HTTPS
    check_command         check_https
}
define service{
    use                   falcot-service
    host_name             www-host
    service_description   SMTP
    check_command         check_smtp
}

# Services to check on ftp-host
define service{
    use                   falcot-service
    host_name             ftp-host
    service_description   FTP
    check_command         check_ftp2
}
This configuration file describes two monitored hosts. The first one is the web server, and the checks are made on the HTTP (80) and secure-HTTP (443) ports. Nagios also checks that an SMTP server runs on port 25. The second host is the FTP server, and the check includes making sure that a reply comes within 20 seconds. Beyond this delay, a warning is emitted; beyond 30 seconds, the alert is deemed critical. The Nagios web interface also shows that the SSH service is monitored: this comes from the hosts belonging to the ssh-servers hostgroup. The matching standard service is defined in /etc/nagios4/conf.d/services_nagios2.cfg.
Notare l'uso dell'ereditarietà: un oggetto eredita da un altro oggetto tramite «use nome-genitore». L'oggetto genitore deve essere identificabile, il che richiede di dargli una proprietà «name identificatore». Se l'oggetto genitore non deve essere un oggetto reale, ma deve solo servire da genitore, una proprietà «register 0» dice a Nagios di non considerarlo e quindi di ignorare l'assenza di alcuni parametri che altrimenti sarebbero richiesti.